Tribulaun

Ci sono tre cime che portano questo nome: il Tribulaun di Fleres, il Tribulaun di Gschnitz e il Tribulaun di Obernberg.

Il Gruppo del Tribulaun con le tre cime omonime Tribulaun di Fleres (3.097 m s.l.m.), Tribulaun di Gschnitz (2.946 m s.l.m.) e Tribulaun di Obernberg (2.780 m s.l.m.) è prevalentemente composto da dolomia del Triassico, posta su barriere cristalline. Proprio qui questo tipo di roccia è stato scoperto, quando il geologo francese Déodat Gratat de Dolomieu ha trovato una pietra che a quel tempo non gli era ancora conosciuta.

Il Tribulaun di Fleres è la cima più elevata del Gruppo del Tribulaun e una delle più importanti vette per l’alpinismo delle Alpi dello Stubai. A nord confina con la valle Gschnitztal nel Tirolo Settentrionale, e a sud con la Val di Fleres in Alto Adige, la montagna si trova perciò lungo il confine tra l’Austria e l’Italia. Il monte è caratterizzato da ripide pareti rocciose, le quali contano tra quelle più alte delle Alpi dello Stubai.

La via normale porta da Fleres in Alta Valle Isarco al valico Sandesjoch, proseguendo poi per una gola a sud-est fino alla cima. Il percorso è indicato con il III grado di difficoltà (UIAA). La salita in se stessa non presenta difficoltà eccessive, ma dato che la roccia è molto friabile, il percorso comporta una particolare prudenza. È necessario quindi munirsi dell’attrezzatura adeguata, una guida alpine è consigliabile. Per chi invece preferisce una tranquilla escursione, può salire fino al Rifugio Cesare Calciati al Tribulaun (2.369 m s.l.m.), situato accanto al laghetto di Sanes.

Alloggi consigliati

  1. Hotel Gassenhof
    Hotel

    Hotel Gassenhof

  2. Naturhotel Rainer
    Hotel

    Naturhotel Rainer

  3. Hotel Schneeberg
    Hotel

    Hotel Schneeberg

  4. Tonnerhof
    Hotel

    Tonnerhof

  5. Hotel Larchhof
    Hotel

    Hotel Larchhof

suggerimenti ed ulteriori informazioni