Campanile nel Lago di Resia

Il solitario campanile che spunta dalle acque del Lago di Resia nei pressi del Passo di Resia, è l’emblema della Val Venosta.

Quando una diga per la produzione di energia idroelettrica venne costruita nei pressi del Passo di Resia, dove nasce l’Adige, il paese di Curon (Graun) e parti di Resia (Reschen), come anche gli antichi abitati di Arlung, Piz, Gorf e Stockerhöfe vennero sommersi dalle acque nell’estate del 1950. Si trattò di ben 677 ettari di terreno: gli abitanti e i proprietari dei masi furono espropriati e costretti a lasciare le loro case e terreni. Furono sistemati di seguito in delle baracche di fortuna.

Solo la chiesetta romanica di Curon, risalente al XIV secolo, non sommerse completamente. Il suo campanile, a seconda del livello dell’acqua, è tuttora visibile ed è stato posto sotto tutela storico-artistica. Al giorno d’oggi, è noto come Campanile nel Lago di Resia (Kirchturm im Reschensee). L’avvenimento è avvolto da molte leggende, una delle quali narra che in certi giorni ancora oggi si possano udire le campane del campanile che risuonano dal fondo del lago!

In estate, il Lago di Resia rappresenta un vero e proprio luogo di relax, ed è punto d’incontro per tanti appassionati di sport acquatici. Anche il campanile sommerso attira numerosi visitatori. E come si raggiunge il Campanile nel Lago di Resia? Il lago si trova direttamente lungo la statale della Val Venosta, vicino la strada c’è un parcheggio con una piattaforma panoramica. Anche il sentiero circolare vi porta in una passeggiata di 4 ore attorno al lago, passando dal campanile.

Alloggi consigliati

  1. Hotel Alpenjuwel
    Hotel

    Hotel Alpenjuwel

  2. Alpenhotels Panorama
    Hotel

    Alpenhotels Panorama

  3. Hotel Eden
    Hotel

    Hotel Eden

Suggerimenti ed ulteriori informazioni