RS glockenblume
RS glockenblume

Flora e fauna

Prati di larici definiscono gran parte del Parco Naturale Tre Cime, che deve il suo nome alle famose Tre Cime di Lavaredo.

Il parco è caratterizzato dalla presenza di rocce e cumuli di detriti e serve come habitat a numerose piante pioniere, tra le quali spiccano la Cinquefoglia delle Dolomiti, l’Achillea gialla, il Crocus e la Campanula. Questa zona protetta viene abbracciata soprattutto nella parte orientale da un paesaggio alpestre, da prati di larici, ma anche da boschi di abeti bianchi e pini cembri.

Animali caratteristici in questa zona sono la Civetta nana, la Civetta capogrosso, il picchio nero e il capriolo. L’incontrastata regina d’alta montagna però é l’aquila reale. Per tutelare ancora di più l’impressionante fauna e flora del posto, il Parco Naturale Tre Cime fa parte della Rete Ecologica Europea Natura 2000.

Sicuramente le vette più famose che rientrano in questa zona protetta sono la Cima Undici (3.092 m s.l.m.), il Monte Popera (3.046 m s.l.m.), la Cima Dodici (3.094 m s.l.m.), il Monte Paterno (2.744 m s.l.m.) e le uniche ed impressionanti Tre Cime di Lavaredo (2.999 m s.l.m.). Solo un lago di una certa estensione si trova in quest’area, il Lago di Landro nell’omonima valle, mentre il noto Lago di Dobbiaco si trova esattamente sul confine con il Parco Naturale Fanes-Senes-Braies.

Suggerisci una modifica/correzione

La nostra redazione è sempre impegnata per garantire la massima qualità ed accuratezza delle informazioni che pubblichiamo. Se hai suggerimenti per migliorare questa pagina puoi inviarceli utilizzando il modulo qui sotto. Grazie in anticipo!

Chiudere
Suggerimenti ed ulteriori informazioni