Al villaggio minerario di S. Martino di Monteneve

Escursione alle vecchie miniere di Monteneve (Schneeberg), nascoste a 2.355 metri di quota tra i monti della Val Passiria. Gli edifici del piccolo villaggio minerario di S. Martino fungono oggi da rifugio alpino e da locale espositivo del museo “Mondo delle Miniere Ridanna Monteneve”.

Punto di partenza della nostra escursione a S. Martino di Monteneve (St. Martin am Schneeberg) è il Ponte di Monteneve (Schneeberger Brücke). Sulla strada del Passo del Rombo sopra Moso in Passiria. Seguiamo il segnavia 31 in direzione del Rifugio Monteneve (Schneeberghütte) e guadagniamo il fianco nord della valle sulla strada forestale. Al contrassegno del sentiero che si diparte verso sinistra è possibile scegliere se imboccarlo o proseguire sulla forestale: i due percorsi si ricongiungeranno un paio di curve più in alto. A poco a poco il percorso ci porta al limitare degli alberi e ai 2.150 metri di quota della terrazza naturale Seemoos, una conca con tanto di un piccolo lago. Ci troviamo già all’interno del vecchio complesso minerario di Monteneve, come testimoniano i detriti di scavo e le ghiaie che riempiono parzialmente la conca. Dietro il lago si riconoscono le prime strutture della miniera, come la centrale elettrica e le rotaie dell’elevatore a secchi d’acqua. Due sentieri risalgono il pendio, entrambi diretti al Rifugio Monteneve.

Arrivati al termine del ripido pendio, ci ritroviamo nel villaggio minerario di S. Martino di Monteneve, costituito dal grande Rifugio, dalla chiesetta dei minatori Madonna della Neve (Maria Schnee) e da altri edifici. Il villaggio è immerso in uno splendido ambiente montano: a nord-est Croda della Cintola (Gürtelwand),  Rocce Bianche di Montenevoso (Schneeberger Weißen) e Rocce Bianche del Massaro (Moarer Weißen), a ovest il Monte Principe (Hochfirst) e il Monte die Granati (Granatenkogel). Vicino al Rifugio si trova il locale espositivo del espositivo del museo “Mondo delle Miniere Ridanna Monteneve”, parte del Museo Provinciale delle Miniere, che racconta degli 800 anni di attività estrattiva in questi luoghi. Chi volesse saperne di più potrà visitare anche la galleria di S. Martino (Martinsstolllen) o percorrere i sentieri tematici che conducono alle varie strutture della miniera. “Miniera d’avventura”, il nome della struttura didattico-museale di S. Martino di Monteneve, è un vero e proprio museo a cielo aperto, molto interessante e istruttivo.

Autore: AT

Attenzione: prima di intraprendere questa escursione è consigliabile informarsi sul posto circa le condizioni del tempo e dell’itinerario.

Partenza: Ponte di Monteneve (Schneeberger Brücke), sulla strada del Passo del Rombo (Timmelsjoch; fermata d’autobus e possibilità di parcheggio)
Segnavia: n. 31
Difficoltà: E – itinerario privo di difficoltà tecniche
Dislivello: ca. 690 m
Altitudine: tra 1.670 e 2.355 m s.l.m.
Lunghezza: ca. 4,5 km l’andata
Tempo di percorrenza: ca. 2 ore l’andata, 90′ il ritorno
Note: Il Rifugio Monteneve è normalmente aperto dal 15 giugno al 15 ottobre
Periodo: settembre 2013

Hotel per escursionisti: Vetrina delle offerte

  1. Hotel Sambergerhof: Periodo autunnale
    Hotel

    Periodo autunnale

    Periodo autunnale

    Villandro
    da 08/10/17 a 05/11/17
    4 notti da 300 € a persona
  2. Hotel Falzeben: Avvento di montagna all’hotel Falzeben
    Hotel

    Avvento di montagna all’hotel Falzeben

    Avvento di montagna all’hotel Falzeben

    Avelengo - Falzeben - Merano 2000
    da 16/12/17 a 23/12/17
    7 notti da 658 € a persona

Alloggi consigliati

suggerimenti ed ulteriori informazioni