Zecken Suedtirol
Zecken Suedtirol

Zecche in Alto Adige

Le zecche sono spesso spiacevoli sorprese durante un’escursione: in Alto Adige è particolarmente comune la zecca del legno.


  • Considerazioni generali:

Le zecche sono piccoli aracnidi estremamente resistenti, che vivono principalmente su arbusti fino a 1,50 m di altezza. Si aggrappano al manto degli animali o ai vestiti di un essere umano con le zampe anteriori, quando il cane o le persone si aggirano tra gli arbusti. Gli ospitanti vengono già percepiti a una distanza di 100 m, e la zecca cerca il posto ideale sul corpo per succhiare il sangue.

Estati umide e inverni miti favoriscono la riproduzione delle zecche, attiva soprattutto in primavera (maggio-giugno) e in autunno (settembre-ottobre). L'idea che le zecche si appostino sugli alberi per cadere poi sulle persone, invece, è sbagliata.


  • Presenza:

Le zecche prediligono boschi umidi, caldi e ombrosi, fino a 900 m s.l.m. In Alto Adige esistono 5 specie dette "a scudo" e due specie "a guscio duro", la più conosciuta tra queste è la zecca del legno. Sono presenti soprattutto nell'Oltradige (p.e. nel Bosco di Monticolo), nel sud dell'Alto Adige (p.e. a Favogna), nella Valle dell'Adige (anche intorno a Bolzano), e occasionalmente ad altitudini più elevate, come in Val Pusteria fino a Campo Tures, in Valle Isarco, o in Val d'Ultimo.


  • Malattie:

Di per sé la zecca non è pericolosa, ma lo sono le malattie che può trasmettere:

  • Malattia di Lyme:
    Diagnosticata per la prima volta in Alto Adige negli anni '80, la malattia infettiva si manifesta dopo 2-4 settimane con una macchia rossa circolare indolore. Tramite l'assunzione di antibiotici, guarisce entro un mese. Se non trattata, può portare ad un'infiammazione delle articolazioni, aritmie cardiache o infiammazione cronica del cervello o del midollo spinale.

  • Meningoencefalite primaverile - estiva (TBE):
    L'encefalite da zecche è l'infezione virale acuta più comune causata dalle zecche in Europa centrale. I sintomi sono febbre anomala (fino a 39° C), che si verifica dopo 1-2 settimane dal morso e che può durare anche 7 giorni. Nel 30% dei casi si verifica una ricaduta dopo una settimana, con febbre fino a 40° C, insieme a torcicollo, mal di testa e infiammazione al cervello e del midollo spinale. Se dovessero insorgere complicazioni potrebbero verificarsi episodi di paralisi e attacchi epilettici.


  • Prevenzione:

Spray e creme antizecche sono, per esperienza, poco efficaci. È importante indossare indumenti coprenti e scarpe alte, così come vestiti chiari per riuscire ad individuare facilmente i piccoli incursori. Dopo un'escursione è fondamentale controllare a fondo il proprio corpo (compreso il cuoio capelluto) e quello degli animali da compagnia. Come detto in precedenza, a volte, si spostano per ore prima di trovare il punto ideale.

È consigliato scuotere i vestiti all'aperto e/o lavarli a 60° C immediatamente. Le zecche solitamente non sopravvivono nemmeno ad un ciclo di asciugatrice.


  • Cosa fare in caso di morso di zecca?

Le zecche amano mordere sotto le braccia, dietro le ginocchia, sul collo o dietro le orecchie. Il morso non si nota, si vede solamente spuntare un corpo estraneo che viene spesso scambiato con una verruca o una voglia. In realtà, quello è solo il corpo della zecca, mentre la testa si trova nella pelle, la quale deve essere rimossa completamente per evitare possibili complicazioni. Una corretta e completa rimozione è estremamente importante, per questo motivo la zecca non deve essere assolutamente schiacciata o bruciata.

La soluzione migliore è utilizzare delle pinzette ed eseguire il movimento corretto. Il medico deve essere consultato nei seguenti casi: testa della zecca ancora all'interno della pelle (si sviluppa un'infiammazione), ferita infetta, febbre, disturbi neurologici o dolori articolari e muscolari - anche dopo qualche tempo. Si raccomanda di controllare inoltre la protezione antitetanica!


  • Vaccinazione:

La vaccinazione TSE consiste in tre vaccinazioni parziali ed è consigliata quando soggiorni o vivi in zone ad alto rischio di presenza di zecche. La vaccinazione è raccomandata anche per le persone esposte maggiormente a questo rischio come cacciatori, guardie e lavoratori forestali.


Suggerisci una modifica/correzione

La nostra redazione è sempre impegnata per garantire la massima qualità ed accuratezza delle informazioni che pubblichiamo. Se hai suggerimenti per migliorare questa pagina puoi inviarceli utilizzando il modulo qui sotto. Grazie in anticipo!

Chiudere

Alloggi consigliati

Suggerimenti ed ulteriori informazioni