voelser aicha winter
voelser aicha winter

Aica di Fiè

Aica di Sopra e Aica di Sotto formano insieme l’area di Aica di Fiè, sul confine meridionale dell’altopiano di Presule.

Benvenuti a "Velser Oacha", come viene chiamata Aica di Fiè in dialetto sudtirolese, una delle numerose frazioni del comune di Fiè allo Sciliar. Il vero e proprio paese è rappresentato da Aica di Sopra (Oberaicha), la prima località sulla strada che porta nell'area dello Sciliar, che si sviluppa sul versante settentrionale della Val di Tires. Qui le Piramidi di Terra si elevano verso il cielo come bizzarri fenomeni naturali e sui pendii si dispiegano diversi vigneti e frutteti.

Al centro di Aica di Sopra si trova la Chiesa di San Giovanni Battista con il suo caratteristico tetto di tegole rosse. La parte inferiore della torre e l'abside risalgono al XIII secolo e al periodo romanico, le restanti parti invece sono databili al XIX secolo. Questi ampliamenti e mescolanze di stili di epoche diverse sono individuabili in numerose chiese dell'Alto Adige. Ad un'altitudine leggermente inferiore si trova Aica di Sotto (Unteraicha), il cui pendio raggiunge quasi la Val di Tires.

Il 24 giugno 1920 è una data importante nella storia di Aica di Fiè (Völser Aicha): in questo giorno la storica banda, dopo un lungo periodo di pausa, diede nuovamente un concerto durante la sagra del paese. Oggi, le località di Aica di Sopra e Aica di Sotto si presentano come tranquilli luoghi di villeggiatura, un posto ideale situato tra la città di Bolzano, con le sue numerose opportunità, e il magnifico paesaggio dell'Alpe di Siusi, dello Sciliar e del Catinaccio.

Suggerisci una modifica/correzione

La nostra redazione è sempre impegnata per garantire la massima qualità ed accuratezza delle informazioni che pubblichiamo. Se hai suggerimenti per migliorare questa pagina puoi inviarceli utilizzando il modulo qui sotto. Grazie in anticipo!

Chiudere
Suggerimenti ed ulteriori informazioni