Ortles

Con un’altezza di 3.905 m s.l.m., l’imponente Ortles supera tutte le cime della regione del Tirolo e viene quindi chiamato “Re Ortles”.

L’Ortles, la cima principale dal quale prende il nome l’omonimo massiccio, si trova completamente su territorio altoatesino. Situato in Alta Val Venosta, l’Ortles - chiamato Ortler in tedesco - è la cima più alta dell’Alto Adige e di tutta la regione del Tirolo. La montagna è costituita da un basamento cristallino che appartiene alle cosiddette falde austroalpine, unità costitutiva dell’ossatura delle Alpi Centrali. Sopra questo basamento cristallino si elevano gli edifici sommitali in dolomia leggermente metamorfica. Gran parte della cima è ghiacciata.

La grandiosa parete nord conta tra i maggiori itinerari su ghiaccio delle Alpi Orientali. Nel 2004 sono stati festeggiati i 200 anni della prima ascensione dell’Ortles: l’alpinista Josef Pichler della Val Passiria si avventurò sulla cima nel settembre del 1804, per ordine assegnato di Giovanni d’Asburgo-Lorena, arciduca d’Austria. L’ascensione avvenne per le infide pareti delle “Hintere Wandeln”, partendo dal paese di Trafoi e passando per il difficile “colatoio rosso”.

Verso la cima dell’Ortles portano vari itinerari. Purtroppo, gran parte di questi, dopo la loro prima ascensione non sono mai più stati frequentati. Il sentiero più frequentato oggi porta dal Rifugio Payer (3.029 m s.l.m.) lungo il versante nord. Si tratta di un percorso d’alta quota molto impegnativo in condizioni precarie. Nella roccia si devono superare tratti difficili e sul ghiaccio anche pendii ripidi fino a 40°.

Alloggi consigliati

  1. Romantik Hotel Weisses Kreuz
    Hotel

    Romantik Hotel Weisses Kreuz

  2. Hotel Bella Vista
    Hotel

    Hotel Bella Vista

  3. Hotel Bergfrieden
    Hotel

    Hotel Bergfrieden

  4. Hotel Paradies
    Hotel

    Hotel Paradies

Suggerimenti ed ulteriori informazioni