Andreas Hofer

Chi è già stato a San Leonardo in Passiria, di certo avrà visitato il monumento ed il museo dedicato ad Andreas Hofer.

Il patriota tirolese, nato il 22.11.1767, già da giovane assunse il ristorante “Sandwirt” in Val Passiria e commerciava con cavalli. Negli anni 1805/1806, dopo una sconfitta contro l’Austria nella terza guerra di coalizione, il Tirolo venne ceduto ai bavaresi. Ben presto i bavaresi cominciarono a disporre varie riforme, tra le quali anche alcuni riguardanti le tradizioni religiose. Tali intromissioni condussero alla feroce battaglia delle chiese, con il popolo tirolese a scendere in piazza contro il clero.

Nel 1809 seguirono diverse rivolte nella capitale tirolese Innsbruck. E fu proprio Andreas Hofer a condurre i tirolesi durante queste lotte. Ben tre volte li portò alla vittoria, fra l’altro anche durante la lotta più conosciuta: la battaglia del colle Bergisel contro le truppe francesi di Napoleone. Durante questi tempi di guerra e battaglia nacque anche la tradizione dei fuochi del Sacro Cuore di Gesù, mediante il quale si rinnova ogni anno la promessa solenne della fede. Ancora oggi, a metà giugno, i fuochi del Sacro Cuore illuminano le colline e montagne del Sudtirolo.

Dopo la sua ultima battaglia, nella quale venne sconfitto, Andreas Hofer dovette fuggire e si nascose sulla Malga Pfandleralm in Val Passiria. Tradito da un compaesano, venne esiliato a Mantova e il 20.02.1810 fu fucilato davanti al tibunale militare. A San Leonardo in Passiria si trovano oggi il monumento ed il museo dedicato ad Andreas Hofer (MuseoPassiria).

Alloggi consigliati

suggerimenti ed ulteriori informazioni