Massiccio dello Sciliar

L’emblema dell’Alto Adige, lo Sciliar (2.563 m s.l.m.), conquista lo spettatore con la sua caratteristica forma bizzarra.

Il gruppo dolomitico dello Sciliar è inconfondibile: la sua sagoma con le due cime Punta Santner e Punta Euringer è diventato anche l’emblema della regione dell’Alto Adige. La prima ascensione è stata effettuata da Johann Santner nel 1880, dal quale la Punta Santner prese il nome.

Il massiccio di pietra calcarea è avvolto da leggende, le quali si girano attorno alle streghe che dovrebbero aver vissuto su di questo. Secondo queste leggende, le Streghe dello Sciliar (Schlernhexen in tedesco) sono sopratutto responsabili per forti tempeste.

Il Massiccio dello Sciliar confina con l’Alpe di Siusi, l’alpe più grande d’Europa, la quale attira con magnifiche passeggiate ed escursioni nella natura. Ma anche d’inverno offre varie possibilità di attività sportive, l’omonima area sciistica per esempio è collegata all’area sciistica della Val Gardena e fa parte del carosello sciistico Dolomiti Superski. Un’escursione sul Massiccio dello Sciliar parte al Lago di Fiè, si tratta di un tour medio-facile (buone condizioni necessarie).

Suggerisci una modifica/correzione

La nostra redazione è sempre impegnata per garantire la massima qualità ed accuratezza delle informazioni che pubblichiamo. Se hai suggerimenti per migliorare questa pagina puoi inviarceli utilizzando il modulo qui sotto. Grazie in anticipo!

Chiudere

Alloggi consigliati

  1. Hotel Schgaguler
    Hotel

    Hotel Schgaguler

Suggerimenti ed ulteriori informazioni